I chiringuitos di Formentera cambiano proprietà

Tavoli in un bar sulla spiaggia di Formentera con il mare sullo sfondo e una ragazza in acqua.

Se c’è una notizia che ha sorpreso tutti noi durante questo mese di aprile è il cambio del modello dei bar sulla spiaggia di Formentera come lo conoscevamo fino ad ora.

Nuove imprese si aggiudicano tutte le concessioni

E la Commissione d’Appalto delle concessioni delle spiagge dell’isola ha deciso che tutta la gestione familiare dei chioschi sulle spiagge di Formentera, che è stata portata avanti negli ultimi decenni, passerà a un modello molto più imprenditoriale. In altre parole, non rimane più nessuno dei vecchi concessionari, il che ha causato un vero shock per tutte le aziende familiari che fanno parte dell’Associazione dei Concessionari delle Spiagge di Formentera.

Lo stato di indignazione da parte di questi imprenditori è collettivo, poiché non comprendono la decisione presa dal Consiglio Insulare, che lascerà tutte queste aziende a conduzione familiare in difficoltà, costrette a ricominciare da capo. È ovvio che il principale lamento risieda nel fatto che il controllo dei bar sulla spiaggia sarà affidato ad aziende molto più grandi, contro le quali non possono competere in alcun modo. Inoltre, sostengono che la gestione turistica dell’isola come la conosciamo oggi è il frutto del loro lavoro, ed è totalmente ingiusto che ora altre persone vengano a prendersene cura.

Perché  i concessionari attuali hanno perso i chiringuitos?

Tutti questi cambiamenti sono avvenuti perché le basi elaborate per le concessioni delle spiagge hanno iniziato a valutare per un terzo del punteggio totale l’offerta economica.

Storicamente, la licenza era una tassa fissa che non contava per valutare il progetto e quindi concedere la concessione, ma nelle basi dell’ultimo concorso l’offerta economica era libera e più alta era, più punti si ottenevano.

Tuttavia, si prevede che in futuro questo non sia l’unico cambiamento a cui dovranno far fronte le imprese dell’isola, e molti parlano già di un cambiamento a livello di modello di business turistico. Quello che è chiaro è che questo cambio di gestione colpisce direttamente gli imprenditori locali, che continuano a svolgere la loro attività principale, senza poter contrastare il cambiamento del turismo a cui l’isola si sta dirigendo, sempre più lontano dal turismo familiare e rispettoso dell’ambiente.

Dopo aver appreso queste notizie, la speranza non era ancora persa per gli ultimi due chioschi sulla spiaggia dell’isola di Formentera che dovevano ancora essere assegnati: il bar Piratabus a Migjorn e il Kiosko la Franja, anch’esso a Migjorn. Tuttavia, oggi abbiamo appreso che nessuno dei due sarà gestito dalle aziende che li detenevano fino ad ora. Infatti, quella che gestiva il chiosco La Franja ha scelto direttamente di non presentarsi dopo aver visto le condizioni richieste. Il Kiosco Piratabus, d’altra parte, ha cercato di rinnovare la sua concessione, anche se è riuscito a ottenere solo il terzo posto.

Una volta di più, questa ultima notizia evidenzia il cambiamento di modello che si verificherà nell’isola e come questo influenzerà negativamente le aziende familiari locali, che si sono viste ancora una volta superate dai grandi attori turistici, con più risorse economiche e che dovranno reinventarsi per poter sopravvivere a questo nuovo contesto.

Condividi l'articolo:

Autore:

AllFormentera
AllFormentera
Directorio web de Formentera multidioma, con información sobre lugares de interés, empresas y negocios locales, noticias, actualidad y mucho más.